Seguici sui Social

Focus

LA NOSTRA STORIA Giancarlo Morrone: il ‘Gaucho’ biancoceleste

PUBBLICITA

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Juan Carlos Giancarlo‘ Morrone nasce a Buenos Aires il 5 febbraio 1941. Attaccante argentino di chiari origini italiane. Il nonno paterno nacque a San Gregorio di Ippona, in provincia di Catanzaro. Iniziò a giocare nella Platense dove esordì in Serie B a soli diciassette anni. I suoi tifosi gli affibbiarono il soprannome ‘El Gaucho’.

Nel 1960, a diciannove anni non ancora compiuti, Giancarlo Morrone arriva a Roma in prestito gratuito. Il suo procuratore si accordò con la Lazio. Incappò però in una stagione fallimentare per i biancocelesti che coincise con la prima retrocessione nella serie cadetta. L’anno dopo la società capitolina, non volendo pagare il costo del cartellino, avrebbe voluto rimandarlo in Argentina ma il nuovo allenatore, Paolo Todeschini, si oppose fermamente e Morrone in breve tempo lo ripagò con gli interessi della fiducia concessagli. Dopo due stagioni in B i biancocelesti conquistano la A (suo il goal-promozione in Lazio-Pro Patria), anche grazie al contributo del Gaucho che risulta il miglior marcatore della squadra.

Nel 1963-64 passa alla Fiorentina per 300 milioni più due elementi come Can Bartù e Giampiero Vitali. In viola resta per due stagioni. Vince una Coppa Italia, una Coppa Mitropa e perde un’altra finale di Mitropa nel 1965. Nonostante i successi ottenuti a Firenze il “Gaucho” non riuscì mai ad ambientarsi e anche se conobbe sua moglie Gigliola il suo cuore lo riportò di nuovo in sponda biancoceleste. Nel 1966-67 il tecnico della Lazio, Umberto Mannocci, lo volle a tutti i costi. Con lui arrivarono anche i compagni Sergio Castelletti e Rino Marchesi. Giocò in biancoceleste fino al 1970/71 scendendo in campo 125 volte e segnando 16 reti.

A fine stagione, ritenuto ormai al termine della carriera, la Lazio gli regala la lista e lo lascia libero (insieme a Nello Governato e Marchesi). Si allena con i cugini giallorossi disputando, il 13 ottobre 1971, anche un tempo nell’amichevole al Flaminio contro la Stella Rossa ma non viene tesserato. Passa al Foggia in Serie B e vi rimane fino al novembre 1973. L’ultima stagione la passa ad Avellino. Nell’estate del 1974, durante il ritiro estivo, subì il distacco del tendine rotuleo, infortunio che lo costrinse ad appendere gli scarpini al chiodo.

  LA NOSTRA STORIA - Aron Winter, un lanciere al servizio della Lazio

LA CARRIERA DA ALLENATORE

Nel 1975, tornato a Roma, dopo essersi diplomato a Coverciano intraprende la carriera di allenatore. Inizia con la squadra Giovanissimi della Lazio, in cui gioca Massimo Piscedda. Passa poi alla Berretti che, nel 1978, si aggiudicò il titolo italiano. E in seguito, voluto da Enrico Flamini, alla Primavera dove prese il posto di Paolo Carosi. Valorizzò calciatori come Ernesto Calisti, Mauro Meluso, Giancarlo Marini, Mario Ielpo ed altri. Nel frattempo divenne anche allenatore di prima categoria, avendo come compagno di corso Eugenio Fascetti. Nel 1984 e nel 1985 alla guida della Primavera sfiora il titolo italiano, vincendolo nella stagione 1986/87.

Giancarlo Morrone ha sempre privilegiato il gioco offensivo e privo di ostruzionismi ma sempre con l’occhio puntato al risultato. Ha ricoperto diverse volte la carica di allenatore in seconda della prima squadra con Ilario Castagner e con Bob Lovati. Nelle ultime cinque partite del Campionato 1982/83 fu chiamato a sostituire l’esonerato Roberto Clagluna, facendo il suo esordio da tecnico della prima squadra. Riuscì a salvare la Lazio che stava retrocedendo in B e venne confermato a furore di popolo. Ma i senatori della squadra remarono contro di lui ed a natale 1983 Giorgio Chinaglia, allora presidente, lo esonera. Tornò senza fare polemiche alla Primavera dove raccolse grandi successi, divenendo uno dei migliori allenatori giovanili a livello nazionale. Con l’arrivo di Gian Marco Calleri alla presidenza Morrone decide di fare nuove esperienze e lascia la società biancoceleste. Dal 1987-88 al ’90-91 passa ad allenare la Primavera del Napoli, poi Lodigiani, Monterotondo, Viterbese, Crotone, Catanzaro, Lanciano, di nuovo Monterotondo e Tivoli.

SEGUICI SU TWITTER


Focus

LA NOSTRA STORIA – Aron Winter, un lanciere al servizio della Lazio

Pubblicato

il

l'olandese Aron Winter

Ex calciatore della Lazio nato in Suriname ma naturalizzato olandese. Aron Mohamed Winter nasce a Paramaribo il 1° marzo del 1967. Centrocampista, inizia a giocare fra i dilettanti nel SV Lelystad. Nel 1986 passa all’Ajax. Con la formazione olandese vince per due volte la Coppa d’Olanda, un campionato nazionale, una Coppa delle Coppe e una Coppa UEFA.

Nel 1992, per 5 miliardi di lire, passa alla Lazio. Diventa un elemento importante della squadra biancoceleste guidata prima da Zoff e poi da Zeman. Il tecnico boemo lo schiera nel ruolo di laterale sinistro. Si mette in grande mostra per ordine e geometria unite ad un incessante mobilità. Forte tiratore dalla media distanza segna reti fondamentali per prestigiose vittorie biancocelesti. Gioca con la Lazio per quattro stagioni lasciando un ottimo ricordo tra i sostenitori laziali per serietà e rendimento. Winter ha contribuito alla crescita della squadra che a cavallo del 2000 vinse di tutto in Italia e in Europa.

Nel 1996 passa all’Inter dove resta per tre stagioni, vincendo la Coppa UEFA nel 1998. L’anno successivo fa ritorno in Olanda per giocare nell’Ajax e nello Sparta Rotterdam. Con la Nazionale Olandese ha preso parte a tre edizioni dei Mondiali e a quattro degli Europei, vincendoli nel 1988 in Germania. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo diventa allenatore della squadra giovanile dei lancieri e poi della prima squadra. Nel gennaio 2011 viene assunto come allenatore del Toronto FC, per poi venire esonerato nel 2012. Nel 2014 è alla guida della selezione Under 19 olandese. Dal 2016 è tornato ad allenare la formazione A-1 dei lancieri. A luglio 2017 entra nello staff della prima squadra come vice allenatore.

  LA NOSTRA STORIA Il portiere Guido Guerrieri

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere