Seguici sui Social

Focus

LA NOSTRA STORIA Ousmane Dabo, l’eroe della Coppa Italia 2008-09

PUBBLICITA

Pubblicato

il

Ousmane Dabo ex centrocampista di Lazio e Inter
PUBBLICITA

L’8 febbraio 1977 nasce a Laval, in Francia, Ousmane Dabo. Centrocampista potente e deciso. Cresciuto nelle giovanili del Rennes passa in prima squadra nel 1995.

Resta fino al 1998 quando viene acquistato dall’Inter. A metà stagione passa in prestito al Vicenza per poi tornare in nerazzurro. Nella finestra invernale di mercato successiva passa, questa volta in comproprietà, al Parma. Nel 2000-01, con la stessa formula, torna in Francia nelle file del Monaco. A metà stagione torna a Vicenza. Dall’estate 2001 passa, sempre in comproprietà, all’Atalanta. Con i bergamaschi resta per due stagioni prima di passare alla Lazio. Dabo arriva a Roma ancora una volta con la formula della comproprietà e, appena arrivato, conquista la sua prima Coppa Italia con la casacca biancoceleste.

Nell’estate del 2004 viene riscattato alle buste. Con i biancocelesti resta fino al 2006. In estate, in seguito a disaccordi avuti con il presidente Lotito per motivi economici, alla scadenza del contratto si accorda con il Manchester City. Esperienza però da dimenticare, il centrocampista gioca poco e subisce persino una aggressione da Joey Barton, suo compagno di squadra, non nuovo ad episodi del genere. Nel 2008 torna alla Lazio. Entra di diritto nella storia biancoceleste dato che segna il rigore decisivo nella vittoria ai calci di rigore nella finale di Coppa Italia contro la Sampdoria del 13 maggio 2009.

  SS Lazio Onlus, nasce la nuova fondazione benefica biancoceleste

Disputa in tutto sei stagioni in maglia biancoceleste, collezionando 125 presenze e 4 reti in campionato. Al termine della stagione 2009/10 lascia definitivamente la Lazio e si accasa con la New England Revolution, squadra del campionato U.S.A. Nel luglio 2011 rescinde il contratto ed annuncia il suo ritiro dal calcio giocato. Nella Nazionale francese ha giocato tre partite vincendo nel 2003 la Confederations Cup. Lo si rivede in veste di opinionista per Sky Sport a Parigi per l’Europeo 2016 e per Fox Sports in occasione della Coppa d’Africa 2017.

SEGUICI SU TWITTER


Focus

LA NOSTRA STORIA – Aron Winter, un lanciere al servizio della Lazio

Pubblicato

il

l'olandese Aron Winter

Ex calciatore della Lazio nato in Suriname ma naturalizzato olandese. Aron Mohamed Winter nasce a Paramaribo il 1° marzo del 1967. Centrocampista, inizia a giocare fra i dilettanti nel SV Lelystad. Nel 1986 passa all’Ajax. Con la formazione olandese vince per due volte la Coppa d’Olanda, un campionato nazionale, una Coppa delle Coppe e una Coppa UEFA.

Nel 1992, per 5 miliardi di lire, passa alla Lazio. Diventa un elemento importante della squadra biancoceleste guidata prima da Zoff e poi da Zeman. Il tecnico boemo lo schiera nel ruolo di laterale sinistro. Si mette in grande mostra per ordine e geometria unite ad un incessante mobilità. Forte tiratore dalla media distanza segna reti fondamentali per prestigiose vittorie biancocelesti. Gioca con la Lazio per quattro stagioni lasciando un ottimo ricordo tra i sostenitori laziali per serietà e rendimento. Winter ha contribuito alla crescita della squadra che a cavallo del 2000 vinse di tutto in Italia e in Europa.

Nel 1996 passa all’Inter dove resta per tre stagioni, vincendo la Coppa UEFA nel 1998. L’anno successivo fa ritorno in Olanda per giocare nell’Ajax e nello Sparta Rotterdam. Con la Nazionale Olandese ha preso parte a tre edizioni dei Mondiali e a quattro degli Europei, vincendoli nel 1988 in Germania. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo diventa allenatore della squadra giovanile dei lancieri e poi della prima squadra. Nel gennaio 2011 viene assunto come allenatore del Toronto FC, per poi venire esonerato nel 2012. Nel 2014 è alla guida della selezione Under 19 olandese. Dal 2016 è tornato ad allenare la formazione A-1 dei lancieri. A luglio 2017 entra nello staff della prima squadra come vice allenatore.

  Lazio Reina: "Qui ho raggiunto il mio massimo livello"

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere