Cataldi, un play per Sarri. Un’idea per la nuova Lazio

Cataldi potrebbe finalmente avere la chance per diventare un punto fermo della Lazio.

L’estate è appena iniziata e i calciatori sono in vacanza. In casa Lazio è tanta l’attesa per la squadra che verrà. Maurizio Sarri si sta godendo gli ultimi dieci giorni di vacanza, dopo di che bisognerà partire per una nuova avventura. La Lazio ha preso Sarri, quantomeno per lottare fino all’ultima giornata per un posto in Champions League.

Lunedì 5 luglio inizierà la settimana delle visite mediche alla clinica Paideia poi, venerdì 9, la squadra partirà per il ritiro di Auronzo di Cadore, dove resterà dal 10 al 28 luglio. Qui si può vedere anche il programma delle amichevoli.

Cataldi nel 4-3-3 di Sarri

In questi giorni c’è tanta curiosità per la Lazio che il tecnico toscano ha in mente, (fotografato in compagnia di Guccini e Bartoletti). Quella fra la Lazio e Maurizio Sarri è una stimolante situazione che potrebbe lasciare il segno nel nostro campionato.

Lotito non è un stolto e anche Sarri sa il fatto suo. “Fare di necessità virtù”, sarà il motto da seguire, ma non solo per le contingentate risorse economiche a disposizione della Lazio, ma anche perché a Sarri piace fare calcio e inventare inaspettate novità tattiche. Una di queste potrebbe essere proprio quella di provare come play davanti alla difesa Danilo Cataldi.

Il mediano romano fra poco compirà ventisette primavere (6-8-94), ed è nel pieno della sua maturità calcistica. L’arrivo di un mister come Sarri, potrebbe essere importante per un giocatore che, come Cataldi, ha sempre trovato poco spazio con Inzaghi, il quale puntava su un altro tipo di centrale.

A dispetto del tecnico piacentino, Sarri predilige invece un play basso davanti alla difesa, in stile Valdifiori o Giorginho. Centrali diventati grandi grazie proprio all’ex tecnico della Juventus. Non il mediano di rottura, ma uno che pensa, che detta il ritmo alla squadra. Il perno centrale di tutto il gioco.

Cataldi

Seppur ancora non emerse del tutto -ha sicuramente queste attitudini di gioco. Nonostante lo scorso anno sia stato utilizzato molto poco, e scavalcato nelle gerarchie sia da Escalante e Akpa-Akpro, va ricordato che il giocatore nell’anno che stava portando la Lazio a vincere lo scudetto, proprio ai danni della Juve allora allenata da Sarri (poi campione d’Italia), stava giocando alla grandissima. Da ricordare anche la stupenda punizione nella vittoria della finale di Supercoppa Italiana, sempre contro i bianconeri. Forse la sua annata migliore, dopo l’anno di Pioli nel “lontano” 2014-’15.

Dopo Pioli e le successive stagioni che ne seguirono, positiva fu sopratutto l’esperienza fatta a Benevento, dove collezionò 29 presenze, 1 reti e 3 assist. Tornato a roma ormai da 3 anni, per il ragazzo nato a Ottavia è tempo di scelte. Capire se Sarri può dargli quella fiducia che Inzaghi non gli concedeva. Il mediano romano c’è come giocatore, ed ha potenzialità inespresse. Sarri potrebbe valutare il giocatore e farsi una sua idea. D’altronde i piedi ce li ha, i tempi di gioco anche, a livello fisico è diventato più robusto e tatticamente è molto intelligente.

Chissà se l’anno che verrà potrà essere quello della definitiva consacrazione con la maglia della Lazio?

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS