LAZIO Raul Moro, un acquisto tutt’altro che economico

LAZIO Raul Moro, un acquisto tutt’altro che economico: i dettagli dell’operazione per strapparlo al Barça.

In casa Lazio Raul Moro è stato senza dubbio il protagonista della giornata di ieri. In 45 minuti ha stregato Inzaghi, che lo ha strappato ai compagni della Primavera promuovendolo in corsa tra i big. E il classe 2002 lo ha ripagato segnando il 4-0 nell’amichevole in famiglia di ieri. Non ha ancora 17 anni (li compirà il prossimo 5 dicembre), ma questo attaccante esterno è considerato un predestinato dal ds Tare, che stravede per lui da tempo immemore. E che per portarlo a Roma ha fatto quella che si potrebbe definire una follia: sborsare circa 8 milioni di euro. Una cifra che ha regalato al ragazzo il terzo posto tra gli acquisti più costosi del calciomercato estivo biancoceleste: più di lui sono stati pagati Vavro (circa 11 milioni) e Lazzari (10 milioni più Murgia). Ora, perchè la sua avventura nella Capitale possa cominciare ufficialmente, manca solo il transfer.

La Fifa la fornirà entro un mese, permettendo così a Menichini di poter schierare (finalmente) il gioiello in gare ufficiali. Dovrà pazientare dunque il mister dei baby aquilotti, come del resto ha dovuto fare la Lazio per definire l’accordo con il Barça. Nel contratto con i blaugrana del giovane talento iberico era infatti presente una clausola rescissoria. La Lazio non l’ha pagata, ma, per non rovinare i rapporti coi catalani, ha preferito trovarci un’intesa. Che prevede appunto circa 8 milioni per il club, mentre per il ragazzo un contratto triennale (l’estensione massima per i minorenni), che verrà prolungato e adeguato al compimento dei suoi 18 anni. Dopo il ‘caso’ Pedro Neto (sedotto e abbandonato con tanto di plusvalenza), la Lazio punta ora fortemente su Raul Moro. I due si assomigliano per caratteristiche fisiche e tecniche, a dividerli interviene l’elemento forse più importante: le grazie di Inzaghi.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER