Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN Italian IT Russian RU Spanish ES

Focus

LA NOSTRA STORIA L’ex attaccante Piero Pastore

Pubblicato

in

Rubrica la nostra storia di Laziochannel


LA NOSTRA STORIA Piero Pastore nasce a Padova il 3 aprile del 1903. Spesso riportato come Pietro.

Inizia a giocare a nove anni nell’Aurora di Padova con il fratello, deceduto a seguito di uno scontro di gioco. Nel 1914 passa nelle giovanili del Padova per poi, dopo la guerra, passare in prima squadra. Nel 1920 passa alla Juventus dove in sei stagioni vince uno scudetto realizzando 20 reti.

La stagione seguente si trova coinvolto nello ‘scandalo Allemandi’ che provocherà la revoca dello scudetto al Torino. Gioca due gare nella Nazionale B. Nel 1928 si trasferisce al Milan. Nello stesso anno partecipa alle Olimpiadi di Amsterdam. Nel 1929 prestato per una tournée americana al Brescia è notato per la sua somiglianza con Rodolfo Valentino e sottoposto dalla Paramount a un provino.

Recita in due film muti: ‘La Leggenda di Vally’ e ‘Ragazze non scherzate’. Nel 1929/30 è tesserato dalla Lazio, dove gioca per due stagioni. Nella stagione 1931/32 è di nuovo al Milan ma per divergenze finanziarie con la società decide di puntare alla carriera cinematografica. Nel 1932/33 torna alla Lazio. Il suo interesse però è rivolto al cinema. Nel 1933 Benito Mussolini commissiona a Luigi Pirandello un soggetto cinematografico.

La sceneggiatura è scritta da Mario Soldati, amico di Pastore dai tempi della Juventus, che lo sceglie come protagonista nel film ‘Acciaio’. Il debutto di Pastore, ‘il nuovo Valentino’, è elogiato dalla critica. Dopo una stagione passata a Perugia nel 1935/36 torna a Roma, però sulla sponda giallorossa. Terminata la carriera da calciatore dopo una breve carriera da allenatore/giocatore con Vigili del Fuoco e Tivoli, prosegue quella da attore.

Compare in una sessantina di film tra i quali ‘La corona di ferro’ con Gino Cervi, ‘Giarabub’ con Alberto Sordi, ‘Aquila Nera’ con Rossano Brazzi, ‘Attila’ con Anthony Quinn e Sofia Loren, ‘Ulisse’ con Kirk Douglas, ‘Totò e Marcellino’ e ‘Arrangiatevi’ con Totò, ‘Barabba’ con Anthony Quinn, Silvana Mangano e Vittorio Gassman. È deceduto al Policlinico di Roma l’8 gennaio 1968 per una insufficienza cardio-respiratoria.

SEGUICI SU TWITTER

Focus

LA NOSTRA STORIA Silvio Piola, il più grande in assoluto

Pubblicato

in

Silvio Piola leggendario bomber della Lazio e della Nazionale


A Robbio, un piccolo paese immerso nelle risaie pavesi, il 29 settembre del 1913 nasceva Silvio Piola. Da molti considerato il calciatore italiano più forte di tutti i tempi. Una leggenda del nostro calcio. In oltre ventiquattro anni di carriera con Pro Vercelli, Lazio, Torino, Juventus e Novara, ha realizzato 274 reti in Serie A. Un primato che dura dal 7 febbraio 1954.

Silvio Piola è ancora oggi il capocannoniere storico in Serie A della Pro Vercelli (51 reti), della Lazio (143) e del Novara (70). In Nazionale ha dato il meglio di sé portando gli azzurri di Vittorio Pozzo alla vittoria nel Campionato del Mondo di calcio di Francia del 1938. Segnò cinque reti in quattro partite, tra cui la doppietta in finale contro l’Ungheria. Figura al terzo posto tra i marcatori azzurri di sempre con 30 reti (dietro a Riva e Meazza). Il tutto soltanto in 34 partite in azzurro, con una media gol di 0,88 reti a partita.

Nel 1954 si è ritirato dal calcio giocato. Dopo un’esperienza come allenatore a Cagliari in B e a Piacenza, nel 1957, entrò in Federazione come talent scout e allenatore dei giovani. Ruolo che ricoprì fino al 1976 quando andò in pensione. Affetto dal morbo di Alzheimer morì il 3 ottobre 1996 pochi giorni dopo il suo ottantatreesimo compleanno.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

METTI MI PIACE SULLA NOSTRA NUOVA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità
Copyright ©2015-2020 | TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE Reg. N°152/2015 - ROMA
Il sito e i suoi contenuti sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons eccetto dove specificato diversamente.