Seguici sui Social

News

SERIE A Gravina: “Non firmo per lo stop al campionato”

Avatar

Pubblicato

il

PUBBLICITA



dopo lo sfogo di ieri per i permessi degli allenamenti mancati, prosegue con il suo reclamo

SERIE A Gravina – Il presidente della FIGC ha parlato durante un meeting online dell’Ascoli calcio, ecco le sue parole: “Noi abbiamo anche un piano B, C, D, se ci dovesse essere uno stop definitivo, ma questo dovrà combaciare con la parola è finita e io dico che finché sarò presidente dell Figc, non firmerò mai per il blocco dei campionati, questa sarebbe la morte del calcio. Mi rifiuto categoricamente di mettere la mia firma su una decisione del genere, salvo ad alcune condizioni come la salute degli allenatori, tesserati, staff tecnici e addetti ai lavori, però questa cosa mi va detta chiaramente e mi deve impedire di proseguire. Vogliono tutti il blocco, e allora decida il governo, se lo imporrà ovviamente, rispetterò la legge. La gente fa finta di non capire o non capisce, mi rifiuto di firmare il blocco”.

DANNO ECONOMICO

“Dalla nostra parte, abbiamo il tempo, il danno economico ha diverse categorie: la chiusura totale potrebbe imporre la perdita di 700-800 milioni, la chiusura degli stadi con le partite a porte chiuse circa 300 milioni, mentre l’ultima ipotesi anche se non è quasi da escludere è giocare a porte aperte e in questo caso la perdita sarebbe di 100-150 milioni. In Francia il Governo ha deciso la chiusura della Ligue 1, il Paris Saint Germain ha subito un danno di 200 milioni per questo motivo e non è sicura di poter partecipare alle coppe europee, così come le squadre della Ligue 2 che hanno chiesto dei piani alternativi. Ma poi pensate solamente a quante cose in sospeso e da risolvere ci sarebbero in caso di stop, chi verrebbe in Serie A? Chi invece dovrebbe retrocedere?. Abbiamo dei contratti da rispettare con i nostri partner”.

Lotito risponde a Spadafora: “Chi ha detto che i club vogliono fermarsi?”

Serie A Tommasi: “Richiesti al ministro Spadafora allenamenti individuali”


News

Lazio Roma Marione non ci sta: “Loro squadra mediocre…”

Avatar

Pubblicato

il


PUBBLICITA

Un derby difficile da digerire per i romanisti, una sconfitta senza appello che non meriterebbe replica. Eppure c’è qualcuno che continua ad attaccare: Lazio Roma Marione non ci sta e passa al contrattacco.

Nel corso dell’apertura della sua trasmissione radiofonica Marione ha attaccato tutti, giocatori della Roma e Lazio compresa. Ecco le sue parole: Derby senza cattiveria e grinta contro una squadra mediocre di media-bassa classifica. Spinazzola non l’ha mai presa, non diamo addosso a Villar e Ibanez che sono due giovani. Dzeko non ha giocato, dobbiamo prendere un altro attaccante per metterlo in panchina: ha quasi 35 anni e probabilmente è a fine carriera. Fonseca? E’ in confusione, si vede da quello che ha detto in conferenza stampa. Ha detto che la Lazio è fortissima. Si può dire una cosa del genere? Non è un allenatore che può guidare la Roma. Come uomo mi dicono che sia una bravissima persona ma allenare è un’altra cosa. Bisogna cacciarlo”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Novcom Agenzia



Articoli più letti