Seguici sui Social

Focus

LA NOSTRA STORIA – Tanti auguri all’ex biancoceleste Luciano Zauri

PUBBLICITA

Pubblicato

il

Luciano Zauri vice allenatore dell'Udinese
PUBBLICITA

Il 20 gennaio 1978 a Pescina, in prov. di L’Aquila, nasceva Luciano Zauri. Difensore cresciuto nelle giovanili dell’Atalanta. Esordisce in Serie A nella stagione 1996-1997. L’anno seguente passa in prestito al Chievo Verona. Nella stagione 1998-1999 torna in nerazzurro dove resta per cinque campionati, due in B e tre in A, ottenendo anche la prima convocazione in Nazionale.

Nel 2003 Zauri viene acquistato dalla Lazio, assieme al compagno di squadra Ousmane Dabo, per 2,7 milioni di euro dopo che i bergamaschi erano retrocessi nella serie cadetta. Con i biancocelesti resta fino al 2008 disputando 132 partite e realizzando 4 reti. Nel mercato estivo passa in prestito alla Fiorentina per 400.000€ con diritto di riscatto prestabilito a 3 milioni per l’anno successivo ma al termine della stagione la società viola non esercita il diritto di riscatto e quindi rientra alla Lazio. A luglio 2009 viene ceduto a titolo temporaneo con diritto di opzione per la compartecipazione alla Sampdoria. Terminato il prestito ritorna alla Lazio ma il 19 agosto torna di nuovo nella squadra ligure in prestito con diritto di riscatto.

A luglio 2011 rientra per l’ennesima volta alla Lazio, dopo che la Samp, retrocessa in Serie B, non esercita il diritto di riscatto. Nel dicembre del 2011 spalma l’ingaggio e prolunga il suo contratto con la Lazio fino al 30 giugno 2013. Il 31 gennaio dello stesso anno passa a titolo definitivo al Pescara. A fine stagione 2013-2014 si ritira dal calcio giocato. In maglia biancoceleste in tutto ha disputato sei stagioni vincendo la Coppa Italia del 2003-04 e quella del 2012-13. Appesi gli scarpini al chiodo nell’estate 2014 viene nominato dal Pescara nuovo allenatore della formazione Berretti e l’anno successivo ricopre il ruolo di collaboratore tecnico. L’anno dopo ricopre il ruolo di collaboratore tecnico. Ruolo che svolgerà successivamente anche nell’Udinese al fianco di Massimo Oddo. Nel luglio 2018 torna a Pescara come allenatore della Primavera.

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER


Focus

LA NOSTRA STORIA – Aron Winter, un lanciere al servizio della Lazio

Pubblicato

il

l'olandese Aron Winter

Ex calciatore della Lazio nato in Suriname ma naturalizzato olandese. Aron Mohamed Winter nasce a Paramaribo il 1° marzo del 1967. Centrocampista, inizia a giocare fra i dilettanti nel SV Lelystad. Nel 1986 passa all’Ajax. Con la formazione olandese vince per due volte la Coppa d’Olanda, un campionato nazionale, una Coppa delle Coppe e una Coppa UEFA.

Nel 1992, per 5 miliardi di lire, passa alla Lazio. Diventa un elemento importante della squadra biancoceleste guidata prima da Zoff e poi da Zeman. Il tecnico boemo lo schiera nel ruolo di laterale sinistro. Si mette in grande mostra per ordine e geometria unite ad un incessante mobilità. Forte tiratore dalla media distanza segna reti fondamentali per prestigiose vittorie biancocelesti. Gioca con la Lazio per quattro stagioni lasciando un ottimo ricordo tra i sostenitori laziali per serietà e rendimento. Winter ha contribuito alla crescita della squadra che a cavallo del 2000 vinse di tutto in Italia e in Europa.

Nel 1996 passa all’Inter dove resta per tre stagioni, vincendo la Coppa UEFA nel 1998. L’anno successivo fa ritorno in Olanda per giocare nell’Ajax e nello Sparta Rotterdam. Con la Nazionale Olandese ha preso parte a tre edizioni dei Mondiali e a quattro degli Europei, vincendoli nel 1988 in Germania. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo diventa allenatore della squadra giovanile dei lancieri e poi della prima squadra. Nel gennaio 2011 viene assunto come allenatore del Toronto FC, per poi venire esonerato nel 2012. Nel 2014 è alla guida della selezione Under 19 olandese. Dal 2016 è tornato ad allenare la formazione A-1 dei lancieri. A luglio 2017 entra nello staff della prima squadra come vice allenatore.

  LA NOSTRA STORIA Il portiere Guido Guerrieri

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere