Seguici sui Social

News

Milinkovic-Savic: “Ho voluto fortemente la Lazio e ora so di aver fatto bene. Inzaghi? Tutto ok”. Mentre su Keita…

Pubblicato

in

Milinkovic-Savic centrocampista della Lazio


Dopo un anno in serie A è diventato una stella nascente della  e punto fisso della nazionale serba Under 21. La sua prima stagione italiana non è andata proprio come si aspettava ma anche nelle difficoltà si cresce e può venire comunque qualcosa di buono. Ora con forza, grinta e determinazione è pronto a diventare (definitiviamente) il perno del centrocampo biancoceleste: “Da quando sono arrivato ho imparato tanto, soprattutto dal punto di vista tattico: cose che non avevo mai fatto prima. E per questo adesso mi sento molto più sicuro dei miei mezzi, racconta il serbo ai microfoni di Gianlucadimarzio.com. Fu ad un passo dalla Fiorentina, con tanto di visita a città e stadio, ma proprio quando il suo destino sembrava doversi tingere di viola, la Lazio con un colpo di coda è riuscita a strappare il talento serbo dalla corte dei Della Valle. Certo la stagione dei biancocelesti non si è rivelata poi entusiasmante anzi…però nonostante ciò Sergej è convinto che venire alla Lazio in quell’estate del 2015 è stata una scelta vincente: “E’ vero, tutti mi volevano, ma alla fine la scelta spettava a me. Ho voluto fortemente la Lazio ed oggi posso dire di aver fatto la scelta giusta. Alla Lazio sto bene e mi diverto. Roma è bellissima e si mangia anche molto bene. Ho scelto di vivere con la mia ragazza all’Olgiata così sono anche più vicino al campo di allenamento ma spesso vado a fare un giro in città con amici”. 

IL RAPPORTO CON I polemizzatori seriali hanno spesso puntato il dito contro mister Inzaghi sostenendo che il tecnico piacentino non vedeva molto Sergej nei suoi schemi tattici. E’ lo stesso serbo a fugare ogni dubbio: “è tutto apposto”.

QUESTIONE KEITA – Sulla questione del ribelle senegalese Sergej non si è voluto sbilanciare: “Non ho parlato con lui e non sono nella sua testa. Posso dire che per noi è importante allenarci e mantenere un’atmosfera tranquilla nello spogliatoio. Le sue decisioni non devono influire sul nostro rendimento in campo”.

RUOLO – Tra i vari temi di discussione dell’ambiente biancoceleste c’è anche un grande dilemma: qual è il ruolo ideale di Sergej Milinkovic-Savic? In chiusura di intervista il talento serbo spiega: “Posso giocare alle spalle dell’attaccante ma anche come intermedio nel 4.3-3. Il mister decide dove gioco e a me va bene”.

 

 

Articolo copertina

Cagliari-Lazio: le ultime da Formello

Pubblicato

in

Inzaghi Lazio


Poche le novità rispetto allo scorso anno nella formazione che verrà schierata in campo da Simone

Mancano due giorni dall’esordio della in campionato. Sembra sempre più chiaro che mister Inzaghi avrà a disposizione gli stessi uomini della scorsa stagione, meno gli infortunati. Manca all’appello Muriqi, che si trova in quarantena in Turchia per il Covid, e Fares, che è in attesa dell’ufficialità.
La probabile formazione vede a destra confermato Lazzari, in mediana Milinkovic e Luis Alberto ai lati di Leiva, e in attacco la coppia Immobile-Correa. In difesa vista l’assenza di Vavro e Luis Felipe saranno disponibili solo Acerbi, Radu, Patric (oggi differenziato) e Bastos (vicino alla cessione). Per compensare la lunga assenza di Lulic sull’esterno di sinistra, è molto probabile che l’allenatore biancoceleste schieri Marusic.

Continua a leggere

Articoli più letti