Seguici sui Social

Articolo copertina

PAGELLE LAZIO FIORENTINA Magic Luis, la Juve non scappa

Pubblicato

in

Immobile Luis Alberto


Pagelle Lazio Fiorentina. Vittoria di misura preziosissima per i biancocelesti

Pubblicità

I voti dei biancocelesti, pagelle Lazio Fiorentina

STRAKOSHA 6 -Spettatore non pagante, incolpevole sul gol. Smanaccia quel che basta sul tiro di Castrovilli che si stampa sulla traversa.

PATRIC 5.5 – Pesa sulla sua prestazione la non efficace marcatura su Ribery in occasione del gol.

ACERBI 6.5 – Guida la difesa da leader come ha sempre fatto. Non era facile per lui avere compagni di reparto in giornata “no”. Nonostante tutto non abdica.

BASTOS 5 – Si fa notare solamente per un fallaccio a fine primo tempo e per una svirgolata sotto porta (in fuorigioco). Dal 45′ RADU 5.5 – Leggermente meglio del compagno che ha sostituito, ma troppi palloni persi ingenuamente. Ha rischiato grosso in occasione del giallo ricevuto.

LAZZARI 5.5 – Tanta corsa ma cross non precisi, la volontà però non manca. Dall’80’ MARUSIC S.V.

MILINKOVIC 6.5- Si danna l’anima per tutti i 90 minuti. Nervoso dopo il giallo ricevuto, è bravo a non incappare in un secondo giallo. Sfrutta al massimo il suo fisico e la sua tecnica per sbrogliare più occasioni. Lavoro di sostanza utilissimo per la vittoria finale.

PAROLO 5 – Si fa saltare troppo facilmente da Ribery in occasione del gol. Soffre una condizione atletica non eccelsa e l’età che non gioca dalla sua parte.

LUIS ALBERTO 6.5 – Nullo nella ripresa fino a quando non decide di caricarsi la squadra sulle spalle e inventarsi la staffilata che vale il gol vittoria che tiene vive le speranze scudetto. Dal 90′ D. ANDERSON S.V.

JONY 5 – L’ex Malaga non si è ancora adattato alla posizione di quinto a centrocampo. Questa sera imperfetto anche sui cross. Dall’80’ LUKAKU S.V.

CAICEDO 6 – Spreca malamente due occasioni da gol con altrettanti colpi di testa ravvicinati. Ha il pregio di procurarsi il calcio di rigore. Dal 68′ CORREA 5.5 – Nessun guizzo di nota, ma non era al meglio.

IMMOBILE 6 – La pareggia su rigore con la solita freddezza da cecchino. Pochi palloni giocabili e guizzi degni di nota

ALL. INZAGHI 6 – La squadra non brilla e la condizione atletica non è delle migliori. Viene premiato dall’estro del Mago che lo tiene, comunque, a meno 4 dalla vetta. Ma sull’aspetto del gioco deve far migliorare la squadra, e di molto.

Marco Corsini

Continua a leggere
Pubblicità