Mauri dall’addio di luglio alla fascia di settembre?

Sono passati poco più di due mesi da quanto Stefano Mauri, capitano della Lazio nelle ultime stagioni, attraverso il suo profilo Facebook dava l’addio alla sua amata squadra:In questi giorni ho più volte parlato con il Presidente e, di comune accordo, abbiamo deciso di terminare qui, dopo quasi 10 stupendi anni, il nostro rapporto professionale, e di salutarci con il sorriso e tante lacrime. Nel mio cuore sono stato, sono e sarò sempre il Capitano della mia amata Lazio”, si leggeva sul social network bianco e blu.

Come riporta La Gazzetta dello Sport, in realtà sembrano passati secoli da quelle parole malinconiche di inizio luglio. Domenica, nella sfida che vedrà impegnati i biancocelesti all’Olimpico contro l’Udinese, Mauri potrebbe partire dall’inizio, magari tornando ad indossare quella fascia da capitano causa di sterili polemiche giornalistiche estive. Pioli sembra orientato a schierare la Lazio con un 4-2-3-1, modulo congeniale al brianzolo, che, nelle prove tattiche svolte in mattinata nel centro sportivo di Formello, è stato provato dal mister come perno centrale della linea dei tre trequartisti alle spalle dell’unica punta (probabilmente anche a causa dell’assenza di Morrison, in Paideia per accertamenti al ginocchio sinistro).

La storia di Stefano Mauri, una storia che sembra avviarsi verso il lieto fine, una storia da film, o più semplicemente una delle tante e romanzesche storie laziali.

 

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS