FOTO Marchetti criticato dai genoani per il saluto alla Curva Nord. La sua risposta

Al termine di Lazio Genoa, Federico Marchetti è andato a salutare i suoi ex tifosi. Ma il gesto non è piaciuto ai rossoblu. Marchetti criticato dai genoani per il saluto alla Curva Nord

Marchetti criticato dai genoani dopo il suo saluto alla Curva Nord al termine di Lazio Genoa. Un gesto che è stato sottolineato, negativamente, dal sito pianetagenoa1893.net e a cui il portiere ha voluto rispondere tramite un post su Instagram. La sua risposta spiega le ragioni del suo gesto: “Rispondo solo oggi, dopo una vittoria importante della mia squadra, ad una provocazione lanciatami attraverso il web nella giornata di sabato scorso. Perché solo oggi? Perché era più importante sostenere la mia squadra e rimanere concentrati per la vittoria che dedicare la testa ad altro. In questi giorni dopo la sconfitta con la Lazio sono stato duramente attaccato. Rispetto a ciò che ho letto non mi sono mai pronunciato, anche a fronte di offese che ricadevano sul personale e che mi hanno molto amareggiato…so che a volte il calcio è anche questo! Tuttavia, quando si parla di me pubblicamente rilasciando interviste, la faccenda è diversa e le imprecisioni vanno segnalate, perché non sono un pupazzo nelle mani di nessuno. Mi riferisco all’intervista rilasciata da Simone Braglia su pianetagenoa1893.net il quale, tra le tante risposte, sostiene che io abbia regalato la mia maglia ai miei ex tifosi laziali. Caro Braglia, ti comunico che nessuno ha perso di vista il contesto generale e ti faccio notare che la verità è un po’ diversa da quella che descrivi…io ho salutato i miei ex tifosi ma la maglia l’ho regalata ai tifosi del Genoa. Rispetto la mia squadra e rispetto i miei tifosi e mi auguro che da oggi e per il futuro venga sempre rispettata la verità

View this post on Instagram

Rispondo solo oggi, dopo una vittoria importante della mia squadra, ad una provocazione lanciatami attraverso il web nella giornata di sabato scorso. Perché solo oggi? Perché era più importante sostenere la mia squadra e rimanere concentrati per la vittoria che dedicare la testa ad altro. In questi giorni dopo la sconfitta con la Lazio sono stato duramente attaccato. Rispetto a ciò che ho letto non mi sono mai pronunciato, anche a fronte di offese che ricadevano sul personale e che mi hanno molto amareggiato…so che a volte il calcio è anche questo! Tuttavia, quando si parla di me pubblicamente rilasciando interviste, la faccenda è diversa e le imprecisioni vanno segnalate, perché non sono un pupazzo nelle mani di nessuno. Mi riferisco all'intervista rilasciata da Simone Braglia su pianetagenoa1893.net il quale, tra le tante risposte, sostiene che io abbia regalato la mia maglia ai miei ex tifosi laziali. Caro Braglia, ti comunico che nessuno ha perso di vista il contesto generale e ti faccio notare che la verità è un po' diversa da quella che descrivi…io ho salutato i miei ex tifosi ma la maglia l’ho regalata ai tifosi del Genoa. Rispetto la mia squadra e rispetto i miei tifosi e mi auguro che da oggi e per il futuro venga sempre rispettata la verità! #ForzaGenoa

A post shared by Federico Marchetti (@officialmarchetti) on