Seguici sui Social

News

PUBBLICITA

ROMA Zeman: “Funziona così nello spogliatoio della Roma”

Avatar

Pubblicato

il

Zdenek Zeman allenatore del Pescara

Roma Zeman parla della situazione uscita qualche giorno fa in cui si parlò di De Rossi e Totti e dell’ambiente nello spogliatoio.

Ha allenato due volte la Roma, l’ultima nel 2013 quando i calciatori lo fecero esonerare perdendo poi contro la Lazio la finale di Coppa Italia. Ecco le sue parole in un’intervista a La Repubblica – Roman Zeman

Zeman, dall’inchiesta di Repubblica emerge che alcuni giocatori volessero fare la fronda a Di Francesco. Anche a lei nel 2013 fecero la fronda?

Mah, lì sono stati abituati così. Ma se ho portato la Roma in finale di Coppa Italia, qualche risultato l’ho ottenuto, giocammo anche bene. E i 4 gol al Milan mi diedero grossa soddisfazione. Si spaventano tutti perché dicono che faccio lavorare tanto e molti non vogliono”

Anche ai suoi tempi circolarono mail sui rapporti con lo spogliatoio?

“Io so che sono stato fatto fuori perché dissi pubblicamente che volevo che la società mettesse delle regole stringenti. E lì si sono arrabbiati. Dovevo tenerlo per me”.

A Roma ebbe un problema con Daniele De Rossi. In quella stagione lui giocò poco e legò poco con lei. Che idea si è fatto a distanza di anni?

“Non so di chi fosse la colpa della mia situazione con De Rossi. Sicuramente posso dire che con me non ha reso come ci si aspettava, visto che anche dai suoi amici giornalisti prendeva 4,5 in pagella. Non è vero che ha giocato poco: in campo andava spesso. Ma aveva una media bassa. Per me aveva dei problemi lui, ma può anche essere che sia anche stata colpa mia”.

Si ricorda di un episodio in particolare: quando lei disse che non lo aveva fatto giocare perché

“Deve pensare alla squadra e non a se stesso”. A cosa si riferiva? “Anziché allenarsi, alcuni passavano le giornate sui lettini a massaggiarsi e a curarsi, oggi è normale. Io non ero abituato perché pensavo che i professionisti s’allenassero, ma è un problema generale, di tutte le squadre, ero io che non ero abituato”.

Ma era così per tutti? Anche per Totti?

“Totti si allenava regolarmente. Non so, magari era più bravo il suo massaggiatore personale…”.

All’epoca c’erano problemi tra i due?

“Ma no, Totti stava bene con tutti. Poi continuo a dire che per me De Rossi aveva dei problemi fuori dal campo, per quello non ha reso. Non c’entra niente il calcio, almeno secondo me. Non era sereno”.

Si raccontò che lei a Roma pagò i rapporti con lo spogliatoio.

“Io vengo spesso criticato dai giocatori perché voglio farli lavorare. Si trova sempre qualcuno che vuole lavorare di meno”.

Ci fa qualche nome?

“Non voglio farne. Continuo a dire che la tendenza oggi nel calcio italiano è questa. Gli inglesi si allenano molto di meno come tempi, ma mentre qui si fa il torello, lì si lavora sul serio”.

SEGUICI SU FACEBOOK

FARES VICINO ALLA LAZIO?


News

LAZIO Zaccagni di nuovo ko: le condizioni del centrocampista e i tempi di recupero

LAZIO Zaccagni di nuovo ko: tegola per Maurizio Sarri alla vigilia della trasferta di Verona.

Avatar

Pubblicato

il

lazio zaccagni di nuovo ko
<

LAZIO Zaccagni di nuovo ko: tegola per Maurizio Sarri alla vigilia della trasferta di Verona.

LAZIO Zaccagni di nuovo ko. Non è certo quello che si direbbe un momento d’oro per l’esterno biancoceleste. Costretto nuovamente a fermarsi, a poche ore dal ritorno da avversario al Bentegodi. Il problema, fa sapere lo staff medico, sarebbe stato accusato giovedì sera, nel corso dell’incontro di Europa League con il Marsiglia. Un “trauma distorsivo a carico del ginocchio destro”, così recita la diagnosi. Cui, prosegue il comunicato, sono seguiti gli accertamenti e le cure del caso. Un nuovo controllo, sotto il profilo “clinico e strumentale”, sarà effettuato nei prossimi giorni. Solo allora si saprà quando il giocatore potrà tornare a disposizione di Sarri.

Zaccagni era rientrato da circa una settimana, dopo che un altro infortunio, lo scorso 19 settembre, lo aveva tenuto ai box per quattro partite. Problemi che ne hanno ampiamente limitato il minutaggio sin qui collezionato in stagione. Altro ne perderà sicuramente nel prossimo impegno di campionato. La speranza è che la striscia negativa non si prolunghi oltre modo. Di solito, i tempi di recupero per simili infortuni oscillano tra le due e le quattro settimane. Discorso ben diverso se invece Zaccagni dovesse essere costretto ad operarsi: in quel caso la sosta forzata sarebbe di 4-8 mesi. Ma è un’ipotesi che nessuno vuole prendere in considerazione.

Continua a leggere

News

VERONA LAZIO Sarri in emergenza: la difesa cambia look

In vista di Verona Lazio Sarri, all’indomani del pareggio casalingo contro il Marisiglia in Europa League, deve fare i conti con l’emergenza difesa

Avatar

Pubblicato

il

verona lazio sarri
<

A tre giorni da Verona Lazio Sarri studia le mosse per il match del Bentegodi. Il tecnico deve fronteggiare una situazione di emergenza in difesa alla luce delle assenze di Acerbi e Luiz Felipe, squalificati per la trasferta in terra scaligera. Pertanto il reparto difensivo si presenterà, per la prima volta in questa stagione, con un look totalmente diverso. Se in corsia, infatti, la situazione dovrebbe seguire la prassi con il solito ballottaggio a 3 (Lazzari, Hysaj, Marusic) per 2 posti, la coppia di centrali sarà una novità assoluta con Patric e Radu a guidare la difesa. Per il romeno si tratta della prima presenza stagionale. In mediana torna titolare, rispetto al match contro il Marsiglia, Lucas Leiva, che andrà ad occupare la cabina di regia. Nel ruolo di mezzali agiranno Milinkovic e, probabilmete, ancora Toma Basic. Il croato è stato preferito a Luis Alberto nelle ultime 2 uscite e, alla luce delle polemiche social che lo hanno visto protagonista nelle ultime ore, la sensazione è che il rapporto tra Sarri e lo spagnolo non stia vivendo un momento di estrema brillantezza. Pertanto il tecnico potrebbe propendere nuovamente per l’ex Bordeaux mentre, in avanti, dovrebbe rivedersi il tridente titolare composto da Felipe Anderson, Immobile e Pedro.

Continua a leggere

News

Marsiglia Lazio – Biancocelesti senza tifosi, vietata la trasferta

Archiviato il pareggio di ieri all’Olimpico, giovedì 4 novembre sarà la volta di Marsiglia Lazio, match di ritorno che potrebbe essere decisivo in ottica qualificazione

Avatar

Pubblicato

il

marsiglia lazio
<

Marsiglia Lazio, in programma giovedì 4 novembre, potrebbe dare indicazioni chiare relativamente al passaggio del turno. Allo stato attuale, la classifica del gruppo E di Europa League vede il Galatasaray al comando con 7 punti seguito dai biancocelesti a 4. Al terzo posto i francesi a quota 3, chiude la Lokomotiv Mosca a 1. In occasione del match di ritorno al Velodrome gli uomini di Sarri non potranno contare sul calore dei propri tifosi. Nella giornata odierna è stato infatti ufficializzato il divieto di trasferta per i tifosi biancocelesti. Il motivo è riconducibile alla decisione della Uefa di far disputare la sfida a porte chiuse, o quasi. Il massimo organo calcistico europeo ha disposto la chiusura della tribuna nord, pertanto l’Olympique giocherà in casa senza una buona parte dei propri tifosi. Il provvedimento è relativo ai disordini registrati in occasione della seconda gara del girone contro il Galatasaray, quando gli scontri sugli spalti costrinsero l’arbitro a interromper il match per 8 minuti.

Continua a leggere

Articoli più letti